Tumore alla mammella nel cane

I tumori alla mammella sono la terza forma tumorale più comune nei cani. Si manifestano principalmente nelle femmine anziane non sterilizzate o che sono state sterilizzate tardi. Circa la metà dei tumori alla mammella nelle cagne è maligno e spesso colpisce più di una mammella.

Causa

Molti fattori contribuiscono allo sviluppo di un tumore, tra cui l'influsso ormonale è un componente importante. Si è notato che le cagne sterilizzate prima del primo estro hanno un rischio bassissimo di sviluppare il tumore alla mammella, meno dello 0,5%. Se la sterilizzazione avviene tra il primo e il secondo estro il rischio è di circa l’8%, dopo il secondo estro è ben il 26%.

Sintomi

Spesso non vi sono sintomi oltre a uno o più noduli nella mammella. I tumori alla mammella si sviluppano principalmente nelle mammelle posteriori, quelle più vicine all'inguine. In una fase avanzata, se il tumore si è metastatizzato si possono avere sintomi diversi, a seconda degli organi colpiti. Il tumore alla mammella si diffonde spesso ai linfonodi e ai polmoni, ma anche all'addome e talvolta alle ossa.

Sintomi più comuni del cancro sono dimagrimento e stanchezza.

Quando è necessario andare dal veterinario?

Far esaminare i noduli alla mammella non appena si notano: la prognosi è molto migliore se il trattamento inizia presto.

Terapia

La terapia consigliata per il tumore alla mammella è di tipo chirurgico: si asporta il singolo tumore se vi è un buon margine, l'intera mammella o l'intera fila di mammelle a seconda della gravità. Prima dell'operazione si effettua un’analisi del sangue per avere un quadro completo dello stato di salute dell’animale. Si effettua anche una radiografia ai polmoni e al torace per verificare se vi sono segni di metastasi, e a volte anche un’ecografia addominale. Eventualmente si possono prelevare campioni del tumore per un esame citologico oppure un esame dei tessuti prima dell'intervento. Dopo l’operazione il tessuto rimosso viene inviato in laboratorio per le analisi relative al tipo di tumore e alla sua gravità. Si controlla inoltre che tutto il tessuto tumorale sia stato asportato, e se vi sono segni di metastasi nel sistema linfatico o circolatorio.

Prospettive di vita

Il tasso di sopravvivenza varia a seconda dalla grandezza del tumore al momento dell'asportazione. Se è inferiore a 3 cm la sopravvivenza può essere di oltre tre anni; se il tumore era più grande di 5 cm l’80% circa di cagne ha una prospettiva di vita di un anno. È quindi fondamentale asportare il tumore al più presto, prima che si ingrossi troppo.