Allenamento per la lettiera, sai come fare?

Insegnare al gatto a usare una lettiera è un affare piuttosto... semplice! La maggior parte dei micini impara direttamente dalla mamma e gli altri possono contare su un innato istinto a nascondere le prove dopo il fattaccio! Scopriamo di più in questo articolo.

Il gatto è famoso per essere un formidabile cacciatore che spazza via dai giardini le talpe e svuota le cantine da topi!

Ogni tanto però anche per lui la natura chiama e siccome nel suo passato più selvatico ci sono sempre stati altri animali che possono considerarlo una preda, questo momento per un gatto è impegnativo: è occupato in ciò che deve proprio fare ma ciò significa che si sente in pericolo!

Per questo motivo è importante che la lettiera sia posizionata in un posto “intimo” in cui si sente protetto. Di lettiere in commercio ce ne sono molte ma l’unica prerogativa che deve avere la lettiera ideale è di essere abbastanza grande per il gatto in questione: deve accoglierlo per bene e dargli anche modo di girarci dentro e poter poi gestire la sabbietta per completare il rito con la copertura.

Il gatto, infatti, vuole nascondere le sue feci non tanto per rispetto degli altri componenti della famiglia ma perché per istinto desidera nascondere le proprie tracce ed evitare di essere scoperto da qualche suo predatore! È un istinto che continua a sopravvivere anche nei gatti da appartamento.

 

I cuccioli di solito non hanno nessuna difficoltà ad apprendere questo comportamento proprio perché fa parte di un loro istinto naturale e anche perché hanno visto la mamma fare la stessa cosa e tendono a copiare i comportamenti. Non ci sono suggerimenti specifici sulla miglior sabbia: ce ne sono un’infinità disponibili in commercio e bisogna solo stare attenti che piaccia anche a lui e non soltanto a noi!

L’unica raccomandazione è di pulirla regolarmente tutti i giorni perché i gatti sono animali puliti ed ordinati.