Animali e Covid: parola alla scienza

Per tutti questi mesi ci siamo chiesti se il virus SARS-CoV-2 fosse un pericolo per gli animali e per la loro salute e per tutti questi mesi, oltre a rassicurare, abbiamo continuato la nostra attività di ricerca. Le risposte sono arrivate grazie al fondamentale contributo dell'Istituto Veterinario di Novara e delle cliniche AniCura in Italia.

La sindrome respiratoria acuta da Coronavirus SARS-CoV-2 ha colpito milioni di persone su scala globale fin dalla sua prima comparsa alla fine del 2019.

Oltre agli umani anche gatti e in qualche caso i cani parevano essere suscettibili al virus mettendo in luce la necessità di sorveglianza in un contesto One Health.

Sette cliniche veterinarie di regioni fortemente colpite dalla malattia COVID-19 sono state selezionate durante i primi mesi della pandemia da Marzo a Luglio del 2020 per eseguire uno screening su pazienti.

2257 tamponi orofaringei e nasali di 877 cani e 260 gatti (fra cui 18 animali che provenivano da famiglie con umani affetti e 92 animali che mostravano sintomi di malattie respiratorie) sono stati analizzati per verificare la presenza di SARS-CoV-2.

I risultati della ricerca supportano con chiarezza l'ipotesi che abbiamo sempre sostenuto: il contagio di SARS-CoV-2 negli animali domestici e di conseguenza il rischio di trasmissione all'uomo era estremamente ridotto già durante l'estesa prima ondata e persino nelle zone fortemente colpite.

Ma le buone norme di igiene e contenimento del contagio non devono essere interrotte!

Leggi tutto l'abstract